Vai menu di sezione

Progettato il polo culturale di Dro

Un vero e proprio boulevard della cultura, un polo di attrazione per il mondo dell'associazionismo, della musica, del teatro, del cinema e della lettura e conoscenza.

Via Cesare Battisti potrebbe diventare un vero e proprio boulevard della cultura, un polo di attrazione per il mondo dell'associazionismo, della musica, del teatro, del cinema e della lettura e conoscenza. L’idea, proposta dalla Commissione Cultura composta da Anna Chiara Boninsegna, Fiorenzo Trenti e Sergio Poli, presieduta dal consigliere Sebastiano Matteotti con l'avvallo dell’assessore competente Marina Malacarne, si inserisce in una programmazione sul medio periodo che potrà andare a buon fine appena potranno iniziare i lavori di sistemazione dell’ex casa di soggiorno Molino, la quale, come già anticipato e concordato insieme al Cda dell’Apsp Residenza Molino, diventerà un polo socio assistenziale sanitario con al pian terreno l’ubicazione degli ambulatori oggi situati all’ex Municipio. Un progetto, quest'ultimo, importante che prevederà un'attenta pianificazione urbanistica per potenziare i posteggi limitrofi senza precludere e compromettere gli spazi verdi. Questo anche grazie all'operazione del grande parco pubblico che si realizzerà più a nord e ottenuto grazie allo strumento della compensazione urbanistica. Con lo spostamento degli ambulatori dall'ex Municipio all'ex casa di riposo si darebbe avvio al progetto di riqualificazione culturale, musicale e associativa di via Cesare Battisti. Il documento preliminare della commissione è stato presentato in giunta dall'assessore Malacarne ottenendo parere positivo da parte di tutti. «Liberando gli spazi degli ambulatori all’ex municipio - spiega Matteotti - saremo in grado di portare nella palazzina la banda musicale che oggi si trova dirimpetto al fianco della biblioteca. Daremo così all’ex municipio una connotazione musicale con la banda al primo piano e sopra la Sonà». «Di pari passo potremmo - continua Malacarne - allargare la biblioteca potenziando la sezione dedicata ai più piccoli con libri e spazi lettura meglio organizzati». Soddisfatto del lavoro e ella proposta il Sindaco Vittorio Fravezzi. «Questo documento preliminare è un indirizzo per il futuro. Qualora la progettualità assistenziale e socio sanitaria all’ex Molino trovasse concretezza, e su questo aspetto stiamo aspettando il parere della Provincia, di pari passo si riuscirà a procedere con questa operazione che andrà a caratterizzare via Cesare Battisti con edifici e luoghi di cultura come l’oratorio parrocchiale con la sala cinema e il teatro, la biblioteca comunale e la riqualificazione dell’ex municipio in chiave culturale e associativa». La nascita del rinnovato polo culturale/musicale/associativo, che è luogo che funge da elemento di aggregazione, avrà quindi una collocazione “fisica” strategica molto centrale nell'abitato di Dro.

torna all'inizio del contenuto
Pubblicato il: Sabato, 14 Settembre 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto