Vai menu di sezione

Cittadini si nasce o si diventa?

Dal 16 al 30 aprile l'amministrazione di Dro con il supporto della presidenza del consiglio Comunale e la collaborazione con l'Istituto Valle dei Laghi - Dro ha avviato un innovativo percorso di cittadinanza attiva con gli studenti dell'istituto secondario di primo grado Nuova Europa

Il sindaco Vittorio Fravezzi e la presidente Ginetta Santoni con gli alunni

Ha preso il via il 16 aprile scorso per concludersi il prossimo 30 di aprile l’innovativo percorso di cittadinanza attiva con gli studenti dell’Istituto secondario di primo grado Nuova Europa di Dro. Molti gli appuntamenti il primo dei quali si è svolto alla presenza del sindaco Vittorio Fravezzi nella sala consiliare dopo che i ragazzi avevano effettuato un sopralluogo del palazzo municipale. Con loro anche la presidente del Consiglio Ginetta Santoni. Il progetto è stato promosso dal Comune e dalla presidenza del consiglio con la collaborazione dell’Istituto Valle dei Laghi - Dro. Tra gli ospiti della prima giornata anche Lucia Fronza Crepa della Scuola di preparazione sociale di Trento che ha relazionato sul “riconoscimento dell’appartenenza alla comunità civile: dall’io al noi”. Il giorno successivo gli alunni hanno incontrato Luca Zanin, responsabile dell’Ufficio Stampa, informazione e comunicazione del Consiglio provinciale di Trento che ha spiegato i fondamentali del mondo della notizia, sia da un punto di vista istituzionale che giornalistico. Successivamente è stata la volta di Chiara Sighele, componente della Commissione provinciale Pari Opportunità tra donna e uomo, che ha presentato e illustrato la mostra (presente fino al 30 aprile al Centro culturale di Dro) “Stereotipi nei media’ Parliamone”. Una mostra attraverso la quale cercare di capire cosa sono gli stereotipi sessisti nell’informazione e avviare delle riflessioni per un uso non stereotipato della lingua nei quotidiani. In conclusione il sindaco di Dro ha illustrato i propri compiti nel governo della città e ha relazionato sulla propria esperienza in senato e come ufficiale di governo. «Un momento importante ed emozionante - ha sottolineato Fravezzi - dove i ragazzi si sono sbizzarriti in numerose domande che dimostrano come ci possa essere anche nei giovani molta curiosità ed attenzione verso le istituzioni».

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Venerdì, 27 Aprile 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto