Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Il Comune informa » Comunicati stampa » Festa di fine anno al nido di Dro

Festa di fine anno al nido di Dro

di Mercoledì, 25 Luglio 2018
Immagine decorativa

Si conclude un altro anno al nido di Dro e per salutarsi tutti insieme la Cooperativa Bellesini, che ha in gestione il servizio, ha chiamato a raccolta i propri bambini, i genitori, il Sindaco Vittorio Fravezzi e l'assessore al sociale Marina Malacarne.

Giornata di festa al nido di Dro gestito dalla cooperativa Bellesini che ha invitato il sindaco di Dro Vittorio Fravezzi e l’assessore al sociale Marina Malacarne. Un appuntamento per festeggiare la chiusura dell’anno e della gestione e passare qualche ora insieme tra ente gestore, corpo educatrici, istituzioni, genitori e bambini. «Siete un gruppo corposo e molto attivo - ha dichiarato la coordinatrice pedagogica della Cooperativa, Daria Santoni -. Per la Bellesini questo è un nido molto importante. Qui si riescono a portare avanti progetti innovativi come il trilinguismo, tra i primi nidi ad attuarlo, e quello riguardante le riflessioni scientifiche con bimbi così piccoli ma già capaci di apprendere. Speriamo di continuare a lavorare qui». Quest’anno infatti finisce l’incarico di gestione per la Bellesini che ha però già annunciato di ricandidarsi per continuare la gestione con i medesimi approcci educativo-istruttivi. «Questo nido è stato una scommessa - ha commentato il sindaco Fravezzi -. Abbiamo deciso di investire su questo servizio che convintamente crediamo essere importante per la nostra comunità. Famiglie attive e partecipi - continua Fravezzi - con le quali abbiamo avviato un percorso di dialogo e confronto sinergico che ha portato a una politica tariffaria più alla portata di tutti. Questo nido è diventato un fiore all’occhiello riconosciuto anche internazionalmente». Molte le delegazioni estere che di anno in anno sono giunte a visionare gli innovativi metodi educativi. «Il nido è il primissimo percorso di istruzione - ha concluso il sindaco -. Non è un semplice ausilio alle famiglie, ma un investimento sul capitale umano che mettere le basi di formazione per cittadini che dovranno confrontarsi con un mondo sempre più complesso. C’è chi cavalca le paure, noi crediamo che dare più strumenti sia la risposta alle problematiche del domani». Il bando per il nuovo affido di gestione è in carico all’Apac e Fravezzi confida che l’espletamento avverrà entro settembre. «Nel caso, per qualsiasi ragione, ciò non avvenisse - tranquillizza Fravezzi - il servizio sarà ugualmente garantito perché l’attuale gestore andrà in "prorogatio" fino alla nuova assegnazione».

In foto: da sx - Daria Santoni, Vittorio Fravezzi, Marina Malacarne, educatrici