Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Il Comune informa » Comunicati stampa » Attestato ai "nonni vigile" migranti

Attestato ai "nonni vigile" migranti

di Martedì, 12 Settembre 2017
Immagine decorativa

Un attestato per il buon lavoro svolto è stato consegnato a due nonni vigili speciali

Sono stati consegnati nel pomeriggio di venerdì, all’interno dell’annuale festa delle elementari di Dro, che chiude l’anno scolastico in corso, due attestati di riconoscimento al volontariato a John Ikechekwu e a Olatunji Adeyemi, migranti che nel corso dell’anno hanno svolto, con la supervisione della Polizia Locale Intercomunale e seguendo le direttive del comandante Marco D’Arcangelo, il servizio di «nonni vigile», assente nel comune droato, ma di strategica importanza per la sicurezza dell’entrata e dell’uscita degli alunni dalle scuole. L'iniziativa è stata ideata e organizzata dalla biblioteca comunale di Dro in collaborazione con Cinformi e le scuole del territorio. Una festa per tutti i bambini, i loro genitori e soprattutto per Ikechekwu e Adeyami che sono stati accolti dalla comunità droata che venerdì pomeriggio li ha ringraziati con una lunga e sonora ola e un caloroso applauso. Presenti al momento istituzionale tutte le classi del compendio con le relative insegnanti, i genitori degli scolari, il sindaco e senatore Vittorio Fravezzi, l'assessore alle politiche sociali Marina Malacarne, il comandante D’Arcangelo e il collaboratore vicario dell’Istituto Comprensivo Valle dei Laghi Dro Alessandro Fabris. «L’aiuto che ci hanno dato - ha sottolineato Fravezzi - è stato cruciale, svolgendo un servizio attualmente richiesto dalla nostra comunità e di cui eravamo carenti. Il loro operato - continua il sindaco droato - ha contribuito a ricambiare l’accoglienza che Dro ha riservato loro». Un compito di assoluto volontariato svolto per tutti i giorni dell’anno scolastico 2016/2017, per un ammontare di circa 500 ore, che è stato coordinato e seguito passo passo dai vigili della Comunità altogardesana. «Credo che sia un riconoscimento fondamentale - ha ribadito Dino Sommadossi capo ufficio biblioteca, attività culturali e progetti speciali - Un segnale che ribadisce i rapporti di accoglienza tra gli ospitanti e la comunità». Il pomeriggio è poi proseguito con la rituale festa scolastica durante la quale sono stati allestiti dei banchetti per il mercatino delle opere realizzate dai bambini.