Ti trovi in:

Home » Comunicazione » Il Comune informa » Comunicati stampa » Approvato il rendiconto, incremento del patrimonio, cresce l'avanzo di bilancio

Approvato il rendiconto, incremento del patrimonio, cresce l'avanzo di bilancio

di Martedì, 03 Luglio 2018
Il sindaco di Dro

Con l'approvazione del rendiconto si certifica lo stato di salute del Comune e della programmazione amministrativa. Dro ha ottenuto una percentuale di compiuto che sfiora il 90%. Contemporaneamente ha aumentato il proprio patrimonio e aumentato l'avanzo di bilancio.

È da poco stato approvato il rendiconto del Comune di Dro che ha messo in evidenza lo stato di salute delle casse comunali. Un documento, il rendiconto, che fa da cartina tornasole su quanto messo in programma dalla giunta e dal sindaco Vittorio Fravezzi nel corso del 2017 e di quanto effettivamente si sia portato a termine nell'anno di programmazione. Le carte droate mettono il Comune di Dro tra i primissimi posti dell’Alto Garda, e non solo, con una percentuale di compiuto che sfiora il 90%. Il tutto con un’economia di spesa sulla parte corrente del bilancio di ben 234.500 euro. La spesa in conto capitale pareggia quindi a 5 milioni 560 mila euro. Un comune, che, pur di non grosse dimensioni si è adoperato per mettere in moto tutta una serie di cantieri cruciali per la vita della comunità. In particolare quelli sul comparto scolastico avviati lo scorso anno e in via di completamento tra il 2018 e 2019. L’efficienza amministrativa di Dro consolida e accresce l’avanzo di amministrazione portandolo a 967 mila euro di cui 348.000 sono somme accantonate in attesa di essere svincolate dalle norme provinciali. Dro è quindi in perfetta salute e può vantare una situazione patrimoniale di tutto rispetto e in crescita: al primo gennaio del 2017 il patrimonio contava 33.027.847 euro passando al 31 dicembre 2017 a 33.672.671 con un incremento di 644.823,91 euro. Con l’approvazione del rendiconto 2017 Dro conferma i propri obiettivi, il mantenimento degli equilibri di bilancio, la valorizzazione delle risorse economiche pur continuando a porre attenzioni a una loro gestione razionale.